soppalco

Soppalco: quando e come si può realizzare?

Costruire un soppalco serve soprattutto a guadagnare superficie calpestabile e ingrandire la propria casa. Per dotarla di uno o più ambienti aggiuntivi. Di solito la camera o lo studio.Per costruire un soppalco, da dove si deve cominciare? Per valutare la fattibilità, decidere la modalità costruttiva, le dimensioni e le caratteristiche della nuova struttura occorre rivolgersi a un professionista – architetto o ingegnere – che effettuerà i controlli per assicurare la stabilità e la portata necessarie. E si occuperà inoltre di tutte le verifiche relative agli aspetti normativi.

Le altezze minime necessarie

Prima di realizzare un soppalco occorre innanzitutto controllare che il locale in cui lo si vuole costruire sia sufficientemente alto. Considerato che occorrono almeno 210 cm sia sopra sia sotto il piano di calpestio e che quest’ultimo ha in genere uno spessore minimo di 15 cm, si può calcolare che il soffitto della stanza deve arrivare ad almeno 435 cm. Questa è la regola generale per garantire un adeguato comfort, oltre che il requisito richiesto dalla maggior parte dei Regolamenti comunali vigenti.

Sistemi costruttivi: le diverse tipologie

I soppalchi più semplici sono costituiti da piani che poggiano su un sistema orizzontale formato da travi e travetti, sostenuti da pilastrini che partono dal pavimento del locale sottostante. Le strutture portanti sono in genere in ferro, mentre il piano del pavimento è costituito da pannelli legnosi sopra i quali viene posato il rivestimento che può essere in diversi materiali, dal legno alla moquette. In alcuni casi, nella parte inferiore, la struttura del soppalco è nascosta da un tamponamento in cartongesso o in perlinature lignee.

  • Per evitare i pilastrini a pavimento, che spesso interferiscono con la distribuzione dell’ambiente sottostante, un’alternativa è quella di “appendere” il soppalco tramite montanti che si agganciano agli elementi strutturali del soffitto.
  • Se di piccole dimensioni, si possono anche realizzare soppalchi sospesi, privi cioè di elementi di sostegno verticali. In questi casi il peso della struttura è retto da travi metalliche posate da parete a parete, incassate nelle murature che nella maggior parte dei casi sono quelle portanti dell’edificio.
  • Con interventi di maggiore entità, seguendo lo stesso procedimento che si impiega per realizzare le solette degli edifici, si possono costruire soppalchi in cemento armato o in calcestruzzo alleggerito; si tratta però in genere di soluzioni adottate in fase di edificazione del fabbricato, più difficili e complesse da aggiungere successivamente.

Che cosa dice la normativa

Bisogna verificare che la costruzione di un soppalco sia consentita dal Regolamento del Comune dove si trova l’immobile; tale normativa specifica anche caratteristiche e criteri da rispettare.

  • Il Regolamento edilizio di Milano permette per esempio di costruire soppalchi purché ci sia un’altezza di 210 cm sia sopra sia sotto il piano di calpestio e un lato aperto completamente sulla stanza sottostante (il parapetto deve avere un’altezza di almeno 110 cm); la superficie del soppalco non deve inoltre superare un terzo di quella del locale oppure metà se l’altezza è di almeno 220 cm.
  • In generale occorre poi rispettare i rapporti aeroilluminanti (di 1/8 o 1/10 a seconda del Comune) che vengono calcolati sommando la superficie del soppalco a quella della stanza in cui è inserito. A Milano i soppalchi con profondità minore o uguale a 180 cm, fermo restando tutti gli altri requisiti richiesti, possono non essere computati nella superficie della stanza, per cui non si verifica aumento di Slp.
  • Una volta stabilito che il soppalco si può realizzare, bisogna verificare presso i competenti uffici tecnici comunali se è necessario presentare una pratica edilizia.

About the author: Amministratore