salvavita.

La corretta installazione del “salvavita”, imposto dalla L.46/90 negli impianti preesistenti, è sufficiente da solo a garantire la sicurezza?

No. L’interruttore differenziale (anche quello ad altissima sensibilità –da 10mA– che si installa a protezione dei bagni) non garantisce la sicurezza assoluta contro la folgorazione, pur se rappresenta comunque una soluzione economica ed efficace per ridurne drasticamente il rischio. Infatti, il tempo di scatto del dispositivo è sufficientemente lungo da consentire il passaggio nel corpo umano di dosi di corrente (intensità x durata) che in situazioni particolari possono anche essere mortali.

About the author: Amministratore