Parete divisoria

Costruire una parete in cartongesso

Scopriamo come si articola la realizzazione di una parete divisoria capace di dividere un locale grande in altri più piccoli, in modo da distribuire meglio gli spazi della nostra abitazione. Questa soluzione potrebbe servire anche per ricavare un armadio a muro in una stanza da letto molto spaziosa.

Costruiremo il tramezzo incominciando dallo scheletro in legno o acciaio leggero e rivestendolo con dei pannelli in cartongesso. Soluzione che ci preserverà dalla posa dell’intonaco, basterà infatti stuccare e pitturare il tramezzo per avere la nostra parete finita. Quando però il divisorio non ha un andamento planimetrico rettilineo e prevede uno sviluppo articolato su una o più curve è necessario adottare un’adeguata struttura di sostegno delle lastre, che sia in grado di assecondare le richieste del progetto e che offra prestazioni di stabilità e sicurezza adeguate.

Dopo aver completato il lavoro di montaggio e fissaggio del cartongesso, occorrerà procedere alla preparazione della parete per renderla adatta alla pitturazione successiva. Sono necessari quindi alcuni importanti lavori come la stuccatura dei giunti e quella degli avvallamenti lasciati dalla chiodatura, oltre ad accorgimenti essenziali come la finitura degli angoli interni ed esterni, da eseguire necessariamente prima di procedere con la pitturazione.

Prima della decorazione finale, applicare uno strato sottile di gesso allo scopo di rendere uniforme l’assorbimento del pannello e dei giunti e capace di adattare la parete a tutti i tipi di decorazioni. Il gesso dovrà essere mescolato sino ad ottenere una crema densa che verrà applicata con il frattazzo o con la spatola. Una volta asciutta la rasatura, si procederà a carteggiare le pareti con cartavetro di grana fine.

Dopo aver carteggiato bene il tutto, si procederà alla decorazione delle pareti. Prima di procedere alla pitturazione, si consiglia di trattare le pareti con una mano di pittura isolante in modo da rendere uniforme l’ancoraggio della pittura. Infine, prevedere una finitura a due mani o se si preferisce anche 3 mani di pittura in modo da avere un risultato perfetto.

About the author: Amministratore